Parole sparse…

Tre giorni, sono passati tre giorni.
Questa è una serata relativamente tranquilla, non piove, ci sono le stelle, non sento una scossa da oggi nel tardo pomeriggio, qua sotto ci sono tutti e due e per una volta sento solo il caloroe delle loro risate e dei loro giochi e non un pizzico d’invida per essere sola su questo divano.
Sono passati tre giorni e la cosa più grande che mi è rimasta dentro, è il rumore del terremoto. Non riesco a stare in silenzio assoluto infatti oltre a dormire con una tuta pronta sul letto in caso di necessità, dormo con la televisione sempre accesa. Anche il buio mi rende un pò nervosa ma davvero la cosa che più di tutto di fa impazzire il cuore è il silenzio assoluto ed allora, stringo forte il cuscino a me e lascio che la televisione inondi la camera di suoni e luci, anche se tenui.
La cosa più stancante di questi giorni è rimanere in attesa di una cosa che succederà, almeno per un pò, ma non si sa quando..ed io sono una persona che odia le attese, specie quando si sa che non sono belle attese.
Oggi ho passato due ore ad aggiustare un piatto di vetro prezioso, non tanto per il valore monetario quanto per il valore affettivo.
Tutti erano per buttarlo, rotto in 18 pezzi, alcuni parecchio piccoli: che senso aveva tenerlo? Non si poteva aggiustare.
Ed invece…ok magari non è proprio nuovo come prima, c’è voluta un sacco di attenzione e pazienza ma ora è ancora lì, tutto intero.
Nell’ultimo anno ho spesso pensato che è più facile lasciare andare le cose belle e preziose che quelle complicate perchè, credo fermamente che le prime comportino molto più impegno, responsabilità e difficoltà delle seconde se le si vuole mantenere così o fare crescere.
Oggi mi sono lanciata in un’avventura apparentemente senza senso, tra una scossa e l’altra, ma con impegno ed amore sono riuscita a fare rinascere una cosa importante, non solo per me.
Oggi nonostante lo stress, la stanchezza e una Ferrara che sembra ferma in un tempo sospeso, sono riuscita a fare qualcosa che mi ah fatto stare bene, che mi ha riportato una cosa preziosa, anche solo un ricordo di una perosna che ho molto amato.

Ps: grazie…per domenica, lunedì, ieri ed oggi…semplicemente, grazie.
Ps2: alla francese è meglio!

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in me e contrassegnato come da Paola . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

One thought on “Parole sparse…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...