….

Caos…tutto tranne che calmo dentro.

Annunci

E’ la che qualcosa si è rotto e qualcosa è cominciato.

Lascio nel 2011
La paura che ho avuto di perdere tutto e per tutto parlo delle persone che amo, che sono la mia famiglia. Una paura a volte paralizzante, spiazzante, non ci sono parole per poterla descrivere.
Alcune persone che ho davvero perso.
Essere arrivata così vicino alla morte di mia mamma da poterla quasi toccare allungando la mano.
Molte seghe mentali che mi ero portata dietro per anni.
Un vecchio lavoro.
Un’infinita stanchezza.
Tante lacrime.
Tanti non abbracci e nessun bacio.
Tante parole vuote.
Una parte di me che per un periodo, fortunatamente breve, mi ha fatto molta ma molta paura.
Libri inutili.
Discussioni senza senso alcuno.
Alcuni sogni.
Tante brutte notizie che si sono susseguite una dietro l’atra.

Porto con me nel 2012
Me stessa.
La realtà che ho finalmente accettato.
Nuovi sogni e nuovi progettti.
Il nuovo colore dei miei occhi. Questo è un mistero ma, constatato da altre e numerose persone, nel 2011 i miei occhi hanno cambiato colore.
La consapevolezza che per quanto puoi dare o fare, da alcune persone non ci sarà mai la risposta che speri, (se permettete questa è la cosa che mi è costato di più imparare),  quindi smettere di aspettare.
La maturità che ho acquisito nel 2011.
Le sicurezze che ho ritrovato in me nel 2011.
Spero un nuovo lavoro.
I sorrisi, non posso vivere senza sorridere.
Cercare di sentirmi “in colpa” per cose assurde, il meno possibile.
Qualche insicurezza, mica possono sparire tutte così!
Nuovi libri da leggere.
La mia storia da finire che è quasi finita.
Nuove foto per scoprire il mondo e me stessa.
Nessuna lista delle cose da fare o da non fare.

…detto questo, buona fine del 2011 e un buon 2012 tutto da scrivere come le pagine bianche di un diario.
All’anno prossimo!

Speranza

— Modalità of —

E’ solo che non ho nessuna volgia di andare a letto, proprio nessuna.
E’ che in serate come queste la cioccolata è una grande cosa.
E’ solo che a volte escono cose da dentro che forse, fanno più paura a me che a chiunque altro.
E’ che mi si sta spezzando in cuore per la mia cagnolona ed i suoi occhi tristi.
E’ che quest’ultimo anno è stato talmente folle. Dite una cosa a caso, che può capitare di brutto e mi è capitata: sentimenti/lavoro/salute…a scelta.
E’ che vorrei ringraziare personalemtne ogni persona che in questi mesi ha attraversato la mia vita. Spesso per brevi periodi ma, sono stati periodi preziosi perchè quelle ore al telefono di notte mi hanno salvato la vita o almeno, la mia salute emozionale/mentale tutta..e questo sicuramente lo farò.
E’ che proprio non riesco a smettere di paingere e lo so che fa bene perchè è uno sfogarsi ma, non immaginate neanche quanto mi rompa questa cosa.
E’ che sono proprio affare mio, solo mio ora.
E’ che leggo una domanda: “State cercando qualcuno con la giusta dose di sbagliato?“, e qualcosa dentro di me si accende. La non perfezione che accende ed illumina quella cosa che chiamano amore.
E’ che a volte avrei davvero bisogno di sentire che esiste da qualche paerte, qualcuno che non resiste dalla voglia di farmi ridere, di strapparmi un sorriso.
E’ che sono semplicemente esplosa, è arrivata la goccia che ha fatto traboccare tutto ma, proprio tutto e chissà come mi ha detto oggi un’amica che: “Magari in questo momento non mi sembra, ma può essere arrivo e partenza…
Ho bisogno di crederci con tutta me stessa…voglio crederci.

E’ che….è che.

Oggi proprio non riesco a smettere di piangere.
per la precisione dall’una e venti di questo pomeriggio: “leucemia devastante.”. E mi rendo perfettamente conto che molti direbbero che, è “solo” un cane ma, è il mio cane.
La sono andata a prendere quando aveva tre mesi, affettuosa, buona con tutti. Mai una volta che abbia ringhiato o fatto paura a qualcuno. anche oggi mentre era su quel tavolo e la stavanoa nalizzando, tremava tutta dalla paura e ci guardava con uno sguardo disperato ma, ascoltava le nostre parole, si affidava alle nostre carezze ed è stata tranquilla, si è lasciata fare tutto senza ribellarsi una sola volta.

Bella vero?

Anche la veterinaria era sconvolta, si aspettava di tutto ma non questo.
Dieci anni che ci ha tenuto compagnia, lunedì si porta in clinica per altri esami am, le speranze sono a zero e a me viene da piangere in continuazione.
Forse è solo la goccia che ha fatto traboccare un vaso enorme ma, anche oggi pomeriggio a casa, quando è arrivata ancora scombussolata, in cerca di coccole…ed oggi le abbiamo lasciato fare e mangiare tutto quello che voleva e lei faceva quello sguardo che mette su quando pensa di averci fregato…no, non riesco proprio a smettere di piangere…che quest’anno passi perchè davvero sono al conto.

Questa sera…

Sally è una donna che non ha più voglia di fare la guerra…ha già visto che cosa ti può crollare addosso…è già stata punita, per ogni sua distrazione o debolezza…cammina per la strada sicura…sono lontani quei momenti quando uno sguardo provocava turbamenti…perchè la vita è un brivido che vola via…tutto un equilibrio sopra la follia…ma forse, è proprio questo il senso, il senso del tuo vagare…troverà il coraggio di affrontare i sensi di colpa e cancellarli da questo viaggio, per vivere davvero ogni momento…cammina per la strada leggera…ed un pensiero passa per la testa: forse ma forse, ma si! Che vuoi che ti dica io…senti che bel rumore…

This is the problem!

In un libro che sto leggendo ora, c’è questa spiegazione dell’amore, fatta da Franca Valeri: “Quel che è certo è che l’amore è un sentimento multiuso, in questo senso è necessario. Va bene per il sesso, per gli amici, per i bambini, per l’arte nella sua globalità, per gli animali; per piccole e grandi cose.
E’ come una borsa dell’acqua calda mentre fuori nevica

Qui casca l’asino…se per me, l’amore non è multiuso ed invece di stare alla finestra con la borsa dell’acqua calda a vedere nevicare, preferisco camminare sotto la nevicata?
Cosa significa?