Caro Babbo Natale…

…eccomi qua, in straordinario ritardo, visto che domani è la vigilia, per la mia lettera a te.
Che dire, è stato un anno faticoso fisicamente ed emotivamente, molto faticoso. Non so se sono stata brava e buona…buona non tanto credo ma quello lo giudicherai tu, spetta a te decidere.Sono arrivata alla fine di questo 2012 molto stanca quindi per l’anno prossimo vorrei chiederti…la salute, la prima cosa in assoluto.
Va bene se mi lasci anche così come sono ma per piacere, basta con mal di stomaco, pancia, testa, influenze, tosse, tachicardia, pressione a sbalzi ecc…basta, credo di aver abbondantemente dato, ne convieni con me?
E la salute e la serenità per le persone che amo.
Ecco tutto qua quello che vorrei chiederti quest’anno.
Non me ne faccio nulla di altri regali o regali materiali, le cose importanti sono decisamente altre.
Che dici? Si può fare?
Ok, per me è quasi tardi…quindi ti ringrazio in anticipo, ti ricordo che domani sera troverai come sempre la candela accesa sulla finestra e se guardi in frigo, anche qualche dolce interessante…si sa mai tu abbia fame…
Notte…un bacione…Paola.
snoopy03

Cambiamenti.

Questa sera sono su di giri al massimo, il mio cuore è al massimo ma, è normale.
E’ stata una settimana non saprei neanche come descriverla in una parola sola, forse: intensa.
Intensa sotto tutti i punti di vista: emotivo, lavorativo, fisico.
Probabilmente quello emotivo è quello che ha inciso di più nel mio essere su di giri. La parte lavorativa è elettrizzante perchè sembra che in un modo o nell’altro cominci a muoversi qualcosa o almeno ho la certezza che da inizio ottobre comincerò dei corsi.
Sono più vecchia di un anno…ed ho davvero la ferma intenzione di essere felice in questo nuovo anno che sta iniziando e l’unico modo per farlo è seguire me stessa, ormai è una lezione che ho imparato bene almeno teoricamente, vedremo la pratica!
Ok…respirare a fondo…vuotare la testa…respirare…ascoltare il cuore che rallenta….respirare…

Settembre!

Piove a dirotto, è grandinato fino a poco fa, il tuono si sente forte…e sono iniziati i mesi che in assoluto preferisco dell’anno.
Saranno mesi impegnativi, mesi nei quali dovrò ricostruire tanto, forse tutto ma stranamente sono piuttosto serena.
E’ stata un’estate folle, come il mio cuore impazzito che mi ha accompagnato in questi ultimi tre mesi.
Però, è stata l’estate che più mi ha fatto crescere in quasi 39 anni. Sono cambiata tantissimo questa estate, ho cambiato il mio modo di vedere le cose probabilmente sono semplicemente maturata prendendo coscienza di me, di chi sono, di cosa sono, di cosa posso fare, di cosa posso dare e questo da sicurezza, almeno a me l’ha data.
Potrei dire ogni singolo giorno che mi ha cambiato radicalmente dentro, anche perchè alla fine sono stati tre o quattro ma, tre o quattro fondamentali.
E’ andata un’estate fatta di grandi paure, di bassi paurosi ma anche un’estate con attimi di luce assoluta e pura.
Ed ora sono qua, pronta per il futuro…seguendo qualcuno che mi ha accompagnato da giugno…in fondo devo solo trovare tre cose da aspettarmi e non temere nulla.
Perchè alla fine il mio problema era proprio quello, non mi aspettavo più nulla di nulla ed avevo paura forse anche di questo non aspettarmi più niente.
Facile no?
Benvenuto settembre!